Maserin Diceros 952 un coltello che combatte i bracconieri

Il Maserin Diceros è un coltello da caccia a lama fissa nato dalla collaborazione tra Davide Bomben, Maxwell Di Pierro, rispettivamente presidente e vice presidente della Tactical Professional Academy TPA e la storica azienda di Maniago.
È un coltello dal carattere forte, estremo, destinato ai ranger africani impegnati nel difficile compito di contrastare il bracconaggio e difendere la biodiversità.
Diceros è un coltello solidissimo che taglia, percuote, divarica, spacca e consente di lavorare in modo massivo senza il ben che minimo cedimento.
Acquistando il Maserin Diceros si aiuteranno automaticamente i ranger del Pilanesberg National Park in Sudafrica ai quali verrà donato un coltello che potrà veramente fare la differenza.
Sulla lama del Diceros sono presenti quattro elementi: il logo dell’azienda Maserin che è la produttrice del coltello, il logo della Tactical Professional Academy, che è l’accademia di formazione tattica che ha ideato il Diceros, quello del Diceros che non è solo un coltello ma una vera filosofia di vita e infine la sigla K.R.L. ovvero le iniziali di Kobus, Rory e Luca, tre persone meravigliose che hanno dedicato la loro vita alla conservazione e che purtroppo hanno lasciato questo mondo nel 2021, anno di presentazione del Diceros.
Kobus de Marias era un operatore delle unità antibracconaggio specializzato in K9, è stato ucciso da un leone a febbraio proprio lui e il suo cane erano sulle tracce di bracconieri nel parco Pilanesberg, lo stesso dove andranno i primi 15 coltelli venduti.
Rory Young era un istruttore di unità antibracconaggio ucciso in Burkina Faso da militanti Jihadisti insieme a due giornalisti spagnoli.
Luca Vercesi era il referente della medicina tattica per la Tactical Professional Academy in Africa. Aveva operato in Congo, Namibia e Sudafrica. Un brutto male ce lo ha portato via.
Il Diceros è un tributo a quegli uomini eroici che hanno dedicato la vita per un valore superiore.

fodero masserin

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *